HomeComunicatiRiapre i battenti la Premiata Osteria dell’Hermada

Ha riaperto i battenti la Premiata Osteria dell’Hermada, lo storico locale della precollina torinese che fra due anni festeggerà il suo centesimo anniversario. Il locale è rimasto chiuso per qualche tempo per lavori di ristrutturazione ed è pronto a rinnovare – in una vesta attuale ma sempre d’antan – l’antica tradizione delle piole piemontesi.

In un ambiente caratteristico e mantenuto volutamente rustico, con mattoni e pietre a vista, il pavimento in cotto grezzo, le sedie in paglia e un antico braciere per cuocere le carni, si possono gustare tutti i giorni, ad esclusione della domenica, i piatti più caratteristici della cucina piemontese.

A dirigere il locale è Luciano Rigobon, un maître di grande competenza che nel corso degli anni ha acquisito una vasta esperienza in alcuni prestigiosi ristoranti torinesi.

La filosofia che accompagna la rinascita della Premiata Osteria dell’Hermada è legata all’antica cultura delle osterie, dove i prodotti sono tipicamente a chilometri zero, tutti scelti con cura e sempre di ottima qualità: dalla pasta fatta in casa alle carni piemontesi provenienti da allevamenti controllati, dai formaggi ai vini Doc e Docg delle Langhe e del Monferrato. Per non dimenticare i prodotti di stagione come, in autunno, i tartufi bianchi della Langa e i neri di Norcia, che saranno i protagonisti dei menù di novembre e dicembre.

Ma oltre al menù alla carta, che ogni settimana varia quattro antipasti, quattro primi, quattro secondi e quattro dolci, è anche possibile lasciarsi guidare da un menù degustazione attraverso sapori e profumi di piatti all’insegna della grande tradizione culinaria piemontese.

A titolo di esempio, tra i primi piatti proposti non mancano gnocchi al Castelmagno o della Val Varaita, tagliolini ai funghi o alle creste di gallo, risotto al Nebbiolo, maltagliati con cotiche e fagioli. Come secondi, il fagiano alle castagne, la rolata di coniglio al tartufo, il brasato di cinghiale, la faraona con le nocciole Dop del Piemonte, i funghi fritti, l’arrosto di maiale con porcini, i “caponet” e il “tapulon”. Una nota a parte meritano sicuramente i dolci, elaborati dallo chef pasticcere e anch’essi ispirati alla tradizione piemontese: il classico “bonet”, la “panna cotta” aromatizzata con lavanda del Monferrato, il budino di riso e la torta langarola.

A breve, con una cadenza per adesso prevista in due occasioni saranno organizzate serate a tema che toccano alcuni grandi classici della cucina del Piemonte: polenta, bagna cauda, gran bollito misto, rane e lumache, fritto misto alla piemontese, finanziera, panissa vercellese. Uno dei primi appuntamenti in programma sarà la “Serata dell’asino”, dedicata a un sapore ormai quasi del tutto scomparso anche dai menù più caratteristici.

Dal prossimo 27 novembre e sino al termine delle vacanze natalizie 2016, la Premiata Osteria dell’Hermada resterà aperta anche la domenica.

 

LA SCHEDA

Premiata Osteria dell’Hermada

Piazza Hermada, 10 – 10131 Torino
Tel. 011.8190541 – 335.7888117
www.osteriahermada.it
info@osteriahermada.it

Accesso disabili: sì
Cucina: tipica piemontese
Chiusura settimanale: domenica
Sala fumatori: no
Coperti: 80
Mezzi pubblici: linee 6, 56, 66

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked